Federazione ANIE, insieme a FME e IMQ, ha messo in atto un programma per la tutela  delle produzioni dei cavi e conduttori elettrici, un settore in cui negli ultimi mesi si è registrata una preoccupante flessione della qualità. I più recenti dati sui controlli effettuati da IMQ sono significativi. Su 145 matasse prelevate da 21 diversi rivenditori e relative a 17 costruttori, un terzo è risultato non conforme ai requisiti certificati. Un quadro inaccettabile per un settore affermatosi nel mondo per la qualità delle proprie produzioni e che nel 2011 vantava un fatturato di 3.090 milioni di euro, poi sceso a 2.613 nel 2012.  Un quadro la cui urgenza ha indotto AICE a unirsi all’IMQ in un programma di moralizzazione del mercato. Un’iniziativa, avviata anche con il coinvolgimento della Federazione dei distributori, che prevede anzitutto un piano formativo, rivolto ai principali interpreti della filiera, un programma di monitoraggio mirato, un potenziamento dell’attività di testing e verifica e un’intensa attività di sensibilizzazione sul territorio.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here