«Desidererei sapere se i collegamenti in cavo tra la spina di un condotto sbarre e la macchina da alimentare, deve essere eseguito con cavi CPR oppure no. In caso affermativo può essere utilizzato il cavo FS18OR18 (300/500V) oppure, quando il luogo sia da ritenersi ambiente a maggior rischio in caso di incendio, tale cavo non è conforme alla CEI 64-8 cap. 7? Tale domanda scaturisce dalla necessità, spesso ricorrente, di dover allacciare a condotti sbarre macchine di sovente di piccola potenza, che richiedono una sezione di 1,5 mm2, e cavo flessibile e il cavo FG16OR16 non lo è» – chiede un lettore de L’impianto elettrico.

M.B. – Firenze

Bel dubbio! Mi ha fatto pensare e concludere che se la macchina alimentata è fissa allora è difficile sostenere che il cavo che la alimenta non sia stato integrato in modo permanente nella costruzione mi sembra difficile. Pertanto direi CPR e formalismi a parte mi sembra anche una scelta tecnicamente logica e condivisibile.

I requisiti richiesti ai cavi che devono essere installati nei diversi contesti sono fissati dalla Norma CEI 64-8:

  • in generale i cavi destinati ad essere incorporati in modo permanente nelle costruzioni devono essere almeno Eca;
  • nei luoghi a maggior rischio in caso di incendio sono sufficienti i cavi Eca quando sono installati:
  • individualmente oppure;
  • distanziati tra loro di almeno 250 mm oppure;
  • ndividualmente all’interno di tubi protettivi o involucri con grado di protezione almeno IP4X.
  • viceversa, in un fascio (minore di quello della prova prevista dalla Norma EN50575) è necessaria la classe di reazione al fuoco almeno Cca-s2, d1, a3.

Il cavo FS18OR18 citato dal lettore risulta Cca-s3, d1, a3.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here