Alessio Mario Gattone, Direttore Marketing Tecnico di Aermec ha parlato di soluzioni di efficientamento energetico per datacenter.

Il traffico IP aumenta del 25% anno su anno, ma in rapporto a questa escalation, il cooling richiesto cresce solo del 10%. Questo si deve alla continua evoluzione della efficienza energetica, che evita un consumo proporzionale.

In un datacenter la voce principale dei consumi è certamente quella dei server. Altrettanto rilevante è il raffreddamento, che arriva a pesare per circa un terzo del totale.

Dato che i margini di efficientamento sono oggi ristretti, per conseguire risultati importanti in termini di consumi energetici deve essere accettabile poter lavorare con range di temperature sempre più ampi. Laddove possibile arrivando a superare anche i 30 gradi, e come già sottolineato massimizzando la resa di tecniche come il free cooling.

Un datacenter sostenibile deve considerare vari aspetti: non solo le apparecchiature, ma anche i flussi d’aria, il raffreddamento modulare e una regolazione elettronica avanzata.

Un adeguato mix di free cooling e parziale uso di refrigerazione meccanica può comportare significativi risparmi.

Potremo tuttavia usare il free cooling tanto più alta sarà la temperatura dell’acqua per cui l’impianto è progettato. Per questo Aermec ha prodotto soluzioni già ideate per sfruttare acqua a 30 gradi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here