Il progetto “Villa Prato Hotel” di CM Impianti ha vinto il Premio nella categoria “Strutture ricettive”.

Sono stati premiati nel corso del KNX DAY, svoltosi lo scorso 23 novembre presso il Museo Enzo Ferrari di Modena, i progetti vincitori del Premio KNX Italia 2018 selezionati dalla Giuria,che quest’anno ha visto la partecipazione di Luigi Buonomini (Assodel Tecnoimprese), Michela Chiogna (Green Building Council Italia), Annalisa Marra (ECDEngineering Consulting & Design) e Luca Piterà (AiCARR), in qualità di membri esterni e Michele Pandolfi (Coordinatore Marketing KNX Italia), Diego Pastore (Coordinatore Formazione KNX Italia), Massimo Valerii (Presidente KNX Italia) e Maurizio Vettorato (Coordinatore Tecnico KNX Italia), in qualità di membri interni.

La Giuria ha valutato i lavori sulla base del numero e della tipologia dei dispositivi KNX utilizzati, il livello di integrazione dei dispositivi nell’edificio, il contenimento dei consumi energetici e l’orientamento a soluzioni innovative.

Sono state selezionate le migliori realizzazioni che hanno utilizzato la tecnologia KNX nel triennio a cavallo tra il 2016-2018. Trenta i progetti in gara: efficienza energetica e nazionale, le categorie con il maggior numero di candidati.

I cinque progetti vincitori
  1. MIGLIOR PROGETTO KNX PER L’EFFICIENZA ENERGETICA: vince il progetto “Smart Home Salerno” di Locicero Domotica.
  2. MIGLIOR PROGETTO KNX PER IL SOCIALE: vince il progetto “Montemartini4” di iTedo.
  3. MIGLIOR PROGETTO KNX PER LE STRUTTURE RICETTIVE: vince il progetto “Villa Prato Hotel” di CM Impianti.
  4. MIGLIOR PROGETTO KNX PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: vince il progetto “Presidio Sanitario S.Giovanni di Mezzolombardo” di Bertolini Ocea.
  5. MIGLIOR PROGETTO KNX NAZIONALE: vince il progetto “Casa Attiva di Galliate” di Studio Tecnico Calcagno.

Ogni vincitore riceverà una licenza gratuita per l’utilizzo di una APP KNX e condizioni agevolate per la partecipazione a un corso di avanzamento nella propria preparazione professionale.

“In un momento storico come quello che stiamo vivendo in questi anni, la diffusione degli Smart Building e l’avvento delle soluzioni IoT rendono necessario un continuo aggiornamento da parte dei professionisti del settore KNX” – racconta Diego Pastore, Coordinatore Formazione di KNX Italia, “Sempre più conoscenze multidisciplinari sono richieste agli operatori sia sul lato tecnico che su quello normativo. La formazione negli ultimi anni ha giocato un ruolo di primaria importanza nella diffusione del sistema sul territorio nazionale, e, negli anni a venire, per i professionisti KNX sarà fondamentale continuare un percorso di crescita formativa per rimanere competitivi nel lungo periodo”.

La giuria ha inoltre attribuito tre menzioni speciali, una in più rispetto alle passate edizioni,aprogetti che rappresentano casi degni di nota nel panorama KNX nazionale:

1) MENZIONE SPECIALE – QUALITÀ DELL’AMBIENTE a “Depuratore di Servola” di DZ Impianti.

2) MENZIONE SPECIALE PROGETTO PIÙ ORIGINALE a “Mas Dei Gemoi” di Domotica Trentina.

3) MENZIONE SPECIALE –SCUOLE SUPERIORI E ISTITUTI TECNICI a “Una Casa per Nonna Licia” di Life 3 in collaborazione con il Liceo Fermi di Padova

“Con grande soddisfazione e entusiasmo stiamo riscontrando una forte e crescente attenzione delle scuole tecniche superiori verso lo standard KNX come valore di conoscenza da introdurre nei programmi didattici relativamente ai sistemi di home e building automation”, commenta Massimo Valerii, Presidente dell’Associazione. “Da parte nostra stiamo incoraggiando e continueremo in futuro questa tendenza, con attività, pacchetti didattici e supporto. Non ci aspettavamo di ricevere spontaneamente progetti da parte degli studential Premio KNX Italia. La piacevole sorpresa ci ha spinto a creare una menzione speciale per le Scuole Superiori e gli Istituti Tecnici. L’intenzione per il prossimo anno è quella di creare una vera e propria categoria del premio, da inserirsi nel Bando ufficiale”.

Nella sessione mattutina si è tenuto un panel dedicato alla Qualità dell’Abitare, tema sempre più attuale e incoraggiato dalla diffusione dell’appeal degli assistenti vocali.

Francesca Romana d’Ambrosio, Presidente di AiCARR, ha aiutato a capire cosa sia e come si misuri il benessere termo-igrometrico per le diverse destinazioni d’uso e gli effetti dell’esposizione ad aria di cattiva qualità.

Fabio Pagano di Assil è entrato nel merito del comfort visivo e degli effetti dell’illuminazione sulla salute umana.

Giorgia De Bernardi dell’Osservatorio IoT del Politecnico di Milano ha parlato delle attese degli utenti nei confronti degli assistenti vocali.

A questi interventi sono seguiti le dimostrazioni pratiche delle applicazioni KNX a cura dei KNX Partner Diego Pastore e Alberto Fabbro.

Commenta così Michele Pandolfi, Coordinatore Marketing dell’Associazione “L’idea di dedicare il KNX DAY 2018 al tema della qualità dell’abitare nasce da fatto che nel panorama attuale, occorre ribadire come lo standard KNX per primo abbia intravisto e risposto a questa esigenza. Ora che questa possibilità sta entrando a far parte delle attese di un pubblico più vasto, è necessario confermare ancora una volta come KNX sia il protocollo più diffuso al mondo in grado di integrarsi con le nuove tecnologie (Cloud e IoT) e con tutti i nuovi prodotti pensati per offrire il massimo comfort all’interno degli edifici e delle abitazioni. L’utente finale vuole avere il controllo del proprio ambiente. Lo standard KNX opera proprio a questo fine”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here